Shop

Tasca d`Almerita – Capofaro malvasia

37.50

Dalla vigna “Anfiteatro”, a 50 metri sul livello del mare, con un suolo caratterizzato da una tessitura sciolta, sabbiosa proveniente dalla degradazione degli antichissimi sedimenti lavici. Malgrado l’elevata porosità il suolo possiede una buona ritenzione idrica. Il calcare è assente e la reazione è sub acida con pH 6,5.
È un terreno generalmente povero di elementi nutritivi e di sostanza organica, che si degrada facilmente a causa della struttura porosa e del clima caldo. Per rimediare alla carenza si pratica annualmente il sovescio di leguminose che arricchisce il terreno di sostanza organica e di azoto. Buona è invece la presenza di microelementi, fondamentali per la qualità delle uve.
In vigna cerchiamo di avere un’ampia superficie fogliare a copertura dei grappoli, in modo da evitare scottature dell’acino e garantire l’aromaticità. Il sistema d’allevamento è in generale la spalliera, ma in una piccola terrazza troviamo anche 240 piante ad alberello. I nuovi appezzamenti hanno un sesto di 2 metri tra le file e 1 metro tra le piante (5.000 piante/ettaro). La potatura è di tipo a Guyot, con tralcio molto lungo (12-14 gemme) per favorire la produzione della Malvasia, ma anche per sopperire alla rottura dei germogli causata dai forti venti marini. L’uva matura, generalmente nella prima decade di settembre, e si disidrata lentamente mantenendo una buona acidità e un discreto grado alcolico.
A noi piace l’integrità del frutto e piuttosto che fare appassire le uve al sole, lo facciamo all’ombra, favorendo il processo di disidratazione senza perdere le note varietali contenute nella delicata buccia.

Categorie: ,
Descrizione

TASCA D`ALMERITA – CAPOFARO MALVASIA 

FORMATO: Bottiglia vetro 50cl

ANNO: 2022

 

INTRO:

La Sicilia è una delle regioni con maggiore produzione vitivinicola in Italia, insieme al Veneto, l’Emilia-Romagna e la Puglia. Le tradizioni vitivinicole della Sicilia sono antichissime e risalgo ai tempi dei Fenici, dei Romani, dei Greci e degli Arabi.

La Sicilia vanta numerosi vitigni autoctoni quali frappato, nero d’Avola, inzolia, catarratto, nerello mascalese e nerello cappuccio, malvasia delle Lipari e moscato d’Alessandria (zibibbo, dall’arabo zibib che significa per l’appunto “una passa”).

In base al tipo di uva possiamo capire la zona di coltivazione delle varie viti sopra citate:

  • I vini moscati, Moscato di Siracusa e Moscato di Noto li troviamo nella zona del siracusano
  • I vini a base di Nero d’Avola, frappato e ceraselo di Vittoria DOCG vengono prodotti nella provincia di Ragusa
  • I vitigni grillo, grecanico, catarratto e inzolia sono i protagonisti della DOC Alcamo
  • La Malvasia delle Lipari famosissima delle Isole Eolie nel territorio messinese
  • Alle pendici dell’Etna, considerata “un’isola nell’isola” per via della caratteristica del terreno lavico e per il microclima che caratterizza questa zona, troviamo il Nerello Mascalese, Nerello Cappuccio, per vini rossi, rosati e spumanti e Catarratto e Carricante per vini bianchi. Da queste viti si producono i famosissimi Etna DOC.
  • Nella provincia di Caltanissetta si trova una delle DOC più recenti della Sicilia, la Riesi
  • Marsala è una DOC storica che prende il nome dall’omonimo comune in provincia di Trapani.
  • Sempre in provinica di Trapani si trova l’isola di Pantelleria, dove si produce il Passito di Pantelleria

 

 

FIRRIATO – CAPOFARO MALVASIA – SCHEDA TECNICA

Vitigni: Malvasia

Denominazione: Salina IGT

Zona vitivinicola: Tenuta Capofaro – Salina – Isole Eolie – Sicilia

Vigneto: Anfiteatro

Anno d’impianto: 2004

Altitudine: 50 m s.l.m.

Esposizione: nord/est

Sistema di allevamento: spalliera

Tipo di potatura: guyot

Densità di ceppi per ettaro: 5.000

Modalità di appassimento: su graticci

Resa di uva per ettaro: 35 ql

Epoca di vendemmia: 12 settembre 2019

Andamento climatico: primavera fresca con abbondanti piogge. Estate asciutta e calda. Completa la maturità e la sanità delle uve

Fermentazione: in vasche d’acciaio inox

Temperatura di fermentazione: 16°C

Durata della fermentazione: 25 giorni circa

Fermentazione malolattica: non svolta

Affinamento: in vasche di acciaio per 6 mesi

Volume alcolico: 11 % Vol.

 

 

SCORPI DI PIÙ:

Per scoprire di più sui vini siciliani, sui prodotti Torrisis e sulle tradizioni culinarie della Sicilia, vi consigliamo di visitare il nostro blog, ricco di articoli interessanti e travolgenti, che ne raccontano le molteplici sfaccettature. Nella sezione ricette troverete, poi, un’ampia varietà di indicazioni culinarie semplici e veloci ed ancora tante idee e consigli utili per utilizzare al meglio i nostri prodotti in cucina e garantirvi la realizzazione di piatti d’eccellenza.

Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Tasca d`Almerita – Capofaro malvasia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.